Mia nonna era il ramo

“Mia nonna era il ramo incurvato dalle nascite.

Era il volto della casa seduto in cucina.

Era l’odore del pane e della mela conservata.

Era la mano del rosmarino e la voce della preghiera.

Era la poverta’ dei lunghi inverni

avvolta nello zucchero come un umile ghiottoneria”

                        Efrain Barquero